BuzzNews > Intrattenimento > Accadde oggi: 1932 New York inaugura il Radio City Music Hall

Accadde oggi: 1932 New York inaugura il Radio City Music Hall

Il Radio City Music Hall è un edificio che unisce in sé arte, musica e spettacolo

Il Radio City Music Hall : un edificio storico e suggestivo

Il Radio City Music Hall : un edificio storico e suggestivo – fonte immagine Wikipedia Credit: flickr4jazz CC BY 2.0

Il Radio City Music Hall ha una storia interessante da raccontare ed è fatta di musica, arte e anche spettacoli teatrali e cinematografici. Vediamo di scoprire l’atmosfera e le meraviglie di questo storico edificio.

Il Radio City Music Hall e la sua nascita

L’edificio è stato costruito tra il 1929 e il 1940. Inizialmente doveva essere chiamato International Music Hall, ma, in seguito, venne chiamato Radio City Music Hall, perché ospitò la Radio Corporation of America.

L’edificio venne aperto il 27 Dicembre del 1932 e doveva essere, in un primo momento, destinato ad intrattenere l’alta società con spettacoli di varietà, ma il palazzo non riuscì pienamente nel suo intento. l’edificio venne allora trasformato in una sala cinematografica.

Il Radio City Music Hall e le proiezioni cinematografiche

Si cominciò a proiettare nell’edificio dei film per tutti. Il palazzo, così facendo, divenne anche la sala più illustre dei film dello studio RKO-Radio Studio. I lungometraggi furono proiettati ogni giorno con una performance completa. La situazione cambiò negli anni ‘70, il tipo di genere scelto per questa sala limitava molto i film che stavo circolando in quel periodo.

Il Radio City Music Hall salvato da Showpeople’s Committee to Save Radio City Music Hall

L’edificio doveva essere chiuso nel 1978 e si pensò di farne altro, come un centro commerciale. Tuttavia, a questo punto della storia, entrano in gioco delle persone fondamentali per questa elefante costruzione: il Showpeople’s Committee to Save Radio City Music Hall.

Era costituito da un gruppo di persone, tra le quali anche degli artisti importanti, che si mobilitarono per salvare questo edificio. L’intervento di questi individui fu molto attivo, tanto che il Radio City Music Hall venne incluso tra i palazzi storici della città e nel 1980, dopo un restauro, venne riaperto al pubblico come teatro.

Questo edificio è tuttora utilizzato per concerti ed altri eventi teatrali. Occasionalmente vengano proiettate delle pellicole in prima visione e ogni anno viene rappresentato il Radio City Christmas Spectacular. Rock e Pop star molto famose hanno suonato in questo palazzo storico e vi sono svolti anche eventi mediatici importanti, come il Grammy Awards.

La bellezza artistica del Radio City Music Hall

Questa costruzione può essere considerata un’opera d’arte sotto molti punti di vista. L’interno del palazzo è in stile Art déco e ci sono anche alcune opere pittoriche create da artisti molto illustri. C’è un murales dipinto da Ezra Winter nominato Fountain of Youth ed un altro, Phantasmagoria of the Theater, di Louis Bouche. Ci sono anche alcune statue, tra cui Goose Girl di Robert Laurent.

Non si può non citare anche l’organo Mighty Wurlitzer, costruito per il cinema. Lo scopo di questo maestoso strumento, installato nel 1932, era di accompagnare i film muti. Questo strumento era capace di suonare molti stili di musica. L’organo è stato ristrutturato completamente nel 1999.

Cosa si può dire ancora del Radio City Music Hall? Visitatelo

Il Radio City Music Hall è un luogo suggestivo e con una grande importanza storica, ricco anche di opere d’arte. Se andate a New York, vale la pena andare a visitarlo, perché vi interesserà con il suo intrigante stile.

Pubblicato il
7 mesi ago
Categorie
Intrattenimento
Viviana Tintori

Viviana Tintori filosofa digitale

Una filosofa specializzata in comunicazione informatica ( eh si…avete letto bene, anche i pensatori amano i computer ) e un’appassionata di tecnologia sin dall’età di undici anni. Classe 1979 e milanese di estrazione, vive immersa nel mondo di Internet e cerca sempre di unire le possibilità date dalla rete con la sua seconda passione: la cultura. È una lettrice accanita, incuriosita da qualsiasi argomento. Adora anche il teatro e il cinema. Abita in una casa piena di libri e uno dei sui desideri è poter guidare una Volkswagen Maggiolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *