BuzzNews > Viaggi > Viaggi in Italia > I 9 borghi più belli del Veneto

I 9 borghi più belli del Veneto

Le domeniche d’autunno sono ideali per visitare la nostra bella Italia: ecco i 9 borghi più belli in Veneto che non possono sfuggire ai vostri occhi.

Queste prime domeniche d’autunno mettono un po’ di malinconia se pensiamo che l’estate ci ha definitivamente abbandonati, ma allo stesso tempo la voglia di una breve gita fuori porta di 1 o 2 giorni ci sembra un’idea meravigliosa. Di quale meta stiamo parlando? Dei borghi in Veneto, ricchi di storia, dimore di personaggi storici e patria del buon cibo. Il Touring Club italiano (TCI) e il Club dei borghi più belli d’Italia ne segnalano alcuni, e noi ne abbiamo aggiunti un altro paio per allungare la lista.

#1 Soave: tra vino e discendenze sveve

Sono proprio le origini di questo borgo veneto che gli hanno dato il nome legandolo alla dinastia degli Svevi o “Soavi”, anche se è affascinante pensare che questo derivi dalla calma che si respira passeggiando nei dintorni del paese e del castello che lo domina.  Soave è uno dei borghi in Veneto insigniti della bandiera arancione dal TCI: una volta lasciata la vostra auto a ridosso delle mura entrate nel centro, raggiungete il Duomo di San Lorenzo, il Palazzo di Giustizia e quindi troverete la salita che vi porterà al Castello. Di origine medievale ma restaurato dagli Scaligeri, si compone di un mastio centrale e 3 cortili intorno, racchiusi dalle mura di fortificazione. Ognuno di questi spazi era adibito ad una funzione (la preghiera, le abitazioni dei soldati e il deposito delle armi), mentre nella torre centrale si trova l’abitazione del signore, da cui si può ammirare uno splendido panorama. Dopo questa scarpinata, un bel pranzo accompagnato da un calice di Soave Doc è il proseguimento giusto per la vostra giornata.

Borghi in Veneto: il Castello di Soave

Borghi in Veneto: il Castello di Soave

#2 Sappada: tradizioni germaniche in territorio bellunese

Un altro dei borghi in Veneto che vanta orgogliosamente la sua bandiera arancione del TCI, Sappada conserva ancora la sua matrice austriaca: nato nell’XI secolo dalla migrazione di alcune famiglie che si trasferirono in questa zona all’epoca disabitata, il piccolo paesino, a forte vocazione turistica, oggi conserva il suo dialetto germanofono, ma soprattutto le Blockhaus, ovvero le case di legno costruite secondo il metodo del blockbau, ovvero di sovrapporre travi in legno orizzontali e incastrarle negli angoli. Sappada vecchia e Cima Sappada sono le due borgate che ne presentano il maggior numero, e questa caratteristica rende il borgo veramente bello. In inverno il turismo si basa esclusivamente sulla stazione sciistica, mentre in estate la funivia permette di raggiungere dei meravigliosi boschi, percorribili anche con delle escursioni: il posto ideale per isolarsi dallo stress cittadino.

Borghi in Veneto: una blockhaus a Sappada

Borghi belli del Veneto: una blockhaus a Sappada

#3 Montagnana nei dipinti di Giorgione

Montagnana oltre ad essere tra i borghi del Veneto con bandiera arancione è anche segnalata dalla guida dei borghi più belli d’Italia: è infatti una delle città medievali murate d’Europa più famose, grazie anche alla perfetta conservazione delle sue mura; Giorgione le ritrasse in un disegno ora conservato a Rotterdam. Dentro le mura si trovano numerosi palazzi antichi di varie epoche: dalla villa che Palladio costruì per il nobile Pisani nel ‘500, alle dimore del ‘400 o della metà del ‘700 fino al Castello di San Zeno, innalzato nel 1200 e composto da un mastio centrale circondato da un cortile e due torri di vedetta. Se anche qui dovesse venirvi fame, a Montagnana vanno fieri del loro prosciutto crudo, ottimo antipasto insieme al melone e seguito da un piatto di pasta, fagioli e battuto di lardo.

Borghi in Veneto: le mura di Montagnana

Borghi in Veneto: le mura di Montagnana

#4 Arquà Petrarca: indovinate chi ha vissuto qui?

Proprio Francesco Petrarca decise di venire in questo tra tanti borghi in Veneto per trascorrere gli ultimi anni della sua vita. Infatti il toponimo fu modificato solo secoli dopo la sua morte, aggiungendo Petrarca nel 1868. Ripide scalette uniscono la parte bassa a quella alta del paese: case in pietra, abbeveratoi e una fontana detta anch’essa del Petrarca si trovano tra le stradine di questo borgo veramente bello. Ovviamente nella casa in cui il poeta trascorse gli ultimi 4 anni della sua vita ora è ospitato un piccolo museo con cimeli e alcuni affreschi (postumi) che rappresentano l’artista.

Borghi in Veneto: la casa del poeta ad Arquà Petrarca

Borghi in Veneto: la casa del poeta ad Arquà Petrarca

#5 Asolo, buen retiro di regine e attrici

Posizionato sul dorso di una collina, Asolo vanta numerosi punti di vista per diversi paesaggi, tutti egualmente belli. Qui si trova infatti il Castello dove la Regina di Cipro Caterina Cornaro venne accolta dalla Repubblica di Venezia dopo la perdita del suo regno: ad oggi del castello resta solo la torre dell’orologio, la sala delle udienze e un’altra torre mozza. Ma altri personaggi hanno soggiornato in questo borgo per periodi brevi o lunghi: ad esempio Ernest Hemingway e Eleonora Duse, che qui fu anche sepolta. Non dimentichiamo che anche Asolo è uno dei borghi del Veneto che vanta sia la bandiera arancione che la nomina tra i borghi più belli d’Italia.

#6 una partita a scacchi a Marostica?

Molti borghi in Veneto sono costruiti attorno al Castello che dominava la zona: qui di castelli ne abbiamo due. Il Castello superiore fungeva da abitazione dello Scaligero Cangrande, mentre quello inferiore si affaccia sulla piazza centrale del borgo ed è composto da una torre centrale, loggiati e un pozzo. Entrambi sono collegati da mura. Ma quello che ha permesso a Marostica di ricevere la bandiera arancione è probabilmente la partita degli scacchi, giocata con pedine viventi vestite con costumi tipici del ‘400 e celebrata ogni secondo fine settimana di settembre. E ogni seconda domenica del mese viene anche celebrata “Il Castello che rivive”, rievocazione dei costumi regali del ‘400; molto importante anche la Festa della ciliegia a giugno.

Borghi in Veneto: la piazza di Marostica

Uno dei borghi più belli in Veneto:  Marostica e la sua piazza

#7 A Conegliano per una partita di dama

Eh si, non è uno scherzo: se a Marostica si celebra il gioco degli scacchi, qui a Conegliano nel centro storico a giugno si svolge la manifestazione della Dama Castellana, ovvero una partita giocata con personaggi in costume rinascimentale. Anche qui abbiamo un Castello costruito nel X secolo, attualmente rappresentato solo dalla torre della Campana: altre dimore storiche sono nel centro insieme alla casa del pittore Giambattista Cima. Nonostante non sia citato come uno dei borghi più belli, il nostro suggerimento è di visitarlo insieme al borgo di Marostica.

#8 Feltre: il Palio delle contrade

Il Palio non è una prerogativa solo di Siena: ecco che uno dei borghi in Veneto ce lo ricorda. Infatti a Feltre, borgo che ha subito in passato numerose dominazioni, passando dalle mani dei romani a quelle dei longobardi, poi al regno italiano e qui sotto il dominio di diverse signorie italiane. Ad oggi conserva numerosi edifici di interesse e un bel teatro. Numerose sono le manifestazioni e gli eventi del piccolo borgo bellunese, tra cui appunto il Palio che si svolge ogni prima domenica di agosto.

Borghi in Veneto: una piazza di Feltre

Borghi del Veneto: una piazza di Feltre

#9 la Rocca di Peschiera del Garda, affacciata sul lago

Chi di voi non è stato sul lago di Garda almeno una volta dovrebbe scegliere Peschiera come tappa del proprio tour del lago, oppure visitarla in giornata: è uno dei comuni più belli del lungo lago. La Rocca fu costruita grazie alla signoria scaligera, e serviva per circondare le abitazioni civili, protetta dalle 5 torri; ma fu la Repubblica veneziana a darle l’attuale forma pentagonale. Successivamente fu eretta anche la Fortezza. Il Mincio, che qui sfocia nel lago, divide in due la città, lasciando la parte storica del borgo più vicina al lago e collegata alla parte moderna da alcuni ponti. Il periodo ideale per visitare Peschiera del Garda è la tarda primavera o l’estate, in quanto a bordo lago l’atmosfera assomiglia in tutto ad una località marittima. Ma i borghi in Veneto sono meravigliosi da visitare tutto l’anno, quindi organizzate in fretta il vostro tour!

Borghi in Veneto: una veduta di Peschiera del Garda

Borghi del Veneto: una veduta di Peschiera del Garda

Pubblicato il
1 anno ago
Categorie
Viaggi in Italia
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *