BuzzNews > Lifestyle > 5 luglio 1946 nasce il bikini: arriva la rivoluzione in spiaggia

5 luglio 1946 nasce il bikini: arriva la rivoluzione in spiaggia

5 luglio 1946 – 5 luglio 2016: il bikini moderno compie 70 anni.

Il bikini, quel nemico che mette alla prova donne determinate costrette a dieta e palestra per risultare al top della forma in tempo per la prova costume, compie 70 anni. Infatti la sua nascita risale al 5 luglio 1946.

5 luglio 1946 ursula

il famoso bikini di Ursula Andress

5 luglio 1946: quando nacque il bikini.

Il bikini nasce nella patria dell’alta moda, Parigi, dalle mani del sarto Louis Réard. Il predecessore del bikini si chiamava Atome, ed era stato presentato da un altro francese qualche mese prima. Jacques Heim, questo il nome dell’inventore del modello Atome, pubblicizzava la sua creazione come “il costume più piccolo al mondo”. Réard rimpicciolì ulteriormente le misure del costume e gli diede il nome ispirato alle isole Bikini, dove gli americani conducevano test nucleari, perché sicuro che l’effetto del nuovo costume sul pubblico sarebbe stato al pari di una dirompente deflagrazione.

5 luglio 1946 primo bikini

Micheline Bernardini indossa il primo bikini della storia

5 luglio 1946-5 luglio 2016: il bikini oggi.

Sono passati 70 anni da quel 5 luglio 1946, e il bikini ne ha fatta di strada. Il bikini, è passato dall’essere un capo che nessuna modella voleva indossare per pudore ( a parte Micheline Bernardini, spogliarellista del Casino di Parigi e prima ad indossare lo striminzito costume), fino alla consacrazione nel ’58 grazie a Brigitte Bardot in E Dio creò la donna. fino ad essere uno dei costumi più venduti e che tutte le donne hanno in armadio.

Nel 1960, Bryan Hyland cantò l’inno al due pezzi, il tormentone Itsy Bitsy Teenie Weenie Yellow Polka Dot Bikini, che contribuì all’incremento delle vendite del costume da bagno.

Oggi, il bikini ha tante forme differenti: si passa dal classico allo string bikini, fino al trikini (bikini con aggiunta di pareo o pantaloncini). Esiste addirittura i monokini, la variante topless  che consiste nella sola mutanda. Gli stilisti si sbizzarriscono con fantasia, spalline e non spalline, tanga o coulotte.

Per la collezione Moschino Resort 2017, Jeremy Scott ha portato in passerella fantasiosi bikini super-fluo e che ricordano un po’ i cartoni di Hanna e Barbera, un po’ la moda psichedelica degli anni ’70. Ecco i 5 best look.

 

Pubblicato il
1 anno ago
Categorie
Lifestyle
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *