BuzzNews > Automotive > 27 Giugno 1894: Karl Benz brevetta il motore

27 Giugno 1894: Karl Benz brevetta il motore

Karl Benz il 27 Giugno 1894 brevetta il motore a combustione interna.

Carl Benz ottiene il brevetto per il suo motore a combustione interna, ma la vera promotrice della sua invenzione è sua moglie Bertha che, di nascosto dal marito, a bordo della prima Velociped, intraprende l’avventuroso viaggio verso Pforzheim distante 45 chilometri. L’impresa ha tale eco che la fama di Benz si diffonde rapidamente.

Bertha Benz 1894 Velociped

Karl Friedrich Benz, una vita dedicata alle auto

Fin dall’infanzia Karl Benz dimostrò grande interesse e passione per la tecnica motoristica e nel 1860 iniziò a frequentare il Politecnico di Karlsruhe dove sviluppò le attitudini anche grazie ai vari professori che aveva incontrato e che avevano notato subito le sue grandi potenzialità. Con passione e tenacità nel 1864 si diplomò e iniziarono le prime esperienze lavorative. Fu in queste prime esperienze lavorative che conobbe indirettamente diverse persone che successivamente sarebbero state utili allo sviluppo dei suoi progetti e tra queste conobbe Bertha che anni dopo, diventò sua moglie.

Nel 1883, l’ingegner Karl Benz fondò la Benz & Cie Rheinische Gasmotorenfabrik in quanto aveva in mente di realizzare un veicolo per il trasporto delle persone senza bisogno di essere trainate da cavalli.

Benz & Cie Rheinische Gasmotorenfabrik - Karl Benz

Fu partendo dall’osservare i cinematismi della sua bicicletta che iniziò a pensare a come trasmettere il moto generato da un motore a combustione interna, che era già stato progettato nel 1876 da Nikolaus August Otto. La sua idea di vettura per il trasporto delle persone, era quella di realizzare un veicolo leggero e facile da condurre che avesse 4 ruote, ma nonostante il suo ingegno, non trovò una soluzione adatta e così la Velociped a 3 ruote, che brevettò il 29 Gennaio 1886.  Il primo esemplare montava un motore a scoppio monocilindrico da 577 cc con una potenza di 3/4 di CV con raffreddamento ad acqua vaporizzata. Karl Benz, proseguì lo sviluppo del Velociped e riuscì ad apportare alcune migliorie anche grazie alle entrate economiche derivate dalla vendita del suo triciclo. Il terzo esemplare che costruì, dotato di un volano specificatamente realizzato, aveva raggiunto la cilindrata di 954 cc con una potenza di 0,9 cv che permetteva al Velociped di raggiungere la considerevole velocità di 16 Km/h.

Proseguendo negli sviluppi, arrivò anche a proporre tre motorizzazioni differenti e con potenze sempre maggiori, così come l’affidabilità dei suoi mezzi e fu il 27 Giugno 1894 che Karl Benz brevetta il motore a combustione interna.

Il motore a combustione interna

Il motore a combustione interna è un motore endotermico che trasforma l’energia generata dalla combustione in energia meccanica e che tramite un sistema di trasmissione, riesce a trasferire alle ruote motrici una coppia, permettendo così il movimento dell’auto. Il più comune motore a scoppio è il motore a 4 tempi costruito nel 1877 e sviluppato da Karl Benz. 

Le fasi del motore a scoppio 4 tempi. Motore a combustione interna.

L’invenzione del motore a scoppio a combustione interna ha realmente cambiato la vita di milioni di persone, rendendole sempre più indipendenti ed è poi grazie all’invenzione del Velociped di Karl Benz si è resa la possibilità di accorciare le distanze tra una persona rispetto a qualsiasi meta. Muoversi indipendenti e in maniera molto facile è sempre stato il sogno di qualsiasi uomo e grazie a questi pionieri della tecnica e a quelli che in tutti i secoli successivi hanno migliorato continuamente il motore a combustione interna è oggi una cosa a cui non si può più fare a meno.

 

 

 

 

Pubblicato il
3 mesi ago
Categorie
Automotive
Roberto Valdemburg

Appassionato di auto e di tutto ciò che le riguarda, dopo diverse esperienze lavorative in questo settore in aziende che progettano e producono componentistica specifica, ho deciso di intraprendere la carriera di Automotive Web Author e Automotive Digital Manager. Sono convinto che il digitale sia l’arma migliore per dare innovazione al settore automobilistico. Passione e competenza mi accompagnano in ogni mio articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *