BuzzNews > Lifestyle > Mostre & eventi > 27 febbraio 1863 nasce Joaquin Sorolla, tra i più grandi pittori spagnoli di tutti i tempi

27 febbraio 1863 nasce Joaquin Sorolla, tra i più grandi pittori spagnoli di tutti i tempi

Il 27 febbraio 1863 nasce Joaquin Sorolla

Il nome Joaquin Sorolla non è forse noto a tutti, ma la sua opera è stata fondamentale per diffondere l’Impressionismo in Spagna. Galeotto fu il viaggio a Parigi dove Sorolla conobbe la pittura di luce e di tocco e la rappresentazione della natura. Il 27 febbraio 1863 nasceva a Valencia, città che lo ha omaggiato dedicandogli una via.

In questa giornata noi lo ricordiamo con una panoramica sulla sua vita e sulla sua opera pittorica.

Joaquin Sorolla e l’Impressionismo in Spagna

Joaquin Sorolla odiava le tenebre. Lui stesso lo ha detto in un suo aforisma. Le sue pitture lo dimostrano. La luce e il colore si fondono donando al quadro una intensa luminosità. La lezione di Monet è evidente negli effetti di rifrazione del sole che si riflette sull’acqua.

Il pittore amava dipingere all’aperto come i grandi maestri impressionisti e in particolare al mare. Le onde effimere sono la perfetta rappresentazione della natura fugace che è il soggetto prediletto dai pittori dell’impressione. Ogni effetto è transitorio e deve essere dipinto rapidamente diceva il maestro spagnolo.

27 febbraio-1863-Joaquin_Sorolla_

Ritratto del dottor Joaquin Decref y Ruiz, 1907, olio su tela, 67x91cm, Museo del Prado, Madrid

I paesaggi marini però nelle sue opere sono sfondo di tematiche sociali e civili. Così i protagonisti delle sue tele sono donne e bambini, ma anche pescatori e persone umili. Inoltre ha realizzato molti ritratti di donne e uomini di varia estrazione sociale.

La vita

Joaquin Sorolla y Bastida è nato a Valencia il 27 febbraio 1863. Ha dimostrato da subito le sue capacità artistiche, ma all’epoca in patria dominava ancora un ambiente conservatore accademico. Come molti artisti dell’epoca cominciò un viaggio. Dopo l’Italia, dove aveva appreso l’arte classica e rinascimentale, era giunto a Parigi.

Nella Ville Lumière l’ambiente artistico e culturale era in pieno fermento. La sua pittura arrivò così a maturazione. Dopo un anno ad Assisi, dove visse con la sua neosposa, decise dunque di tornare in Spagna. Qui ottenne finalmente il meritato successo che lo aveva portato a promuovere la sua arte in Inghilterra, in Francia e persino in America.

Nel Nuovo Continente ebbe la possibilità di esporre in spazi prestigiosi come il City Art Museum di St.Louis e l’Art Institute di Chicago. Dal 1914 insegnò Tecnica del colore e della composizione presso la Scuola di Belle Arti di Madrid diffondendo le teorie impressioniste.

Le opere

Con pennellate rapide e leggere, Sorolla descrive paesaggi immersi dalla luce del giorno. Una volta disse che Non c’è niente di più forte della natura e che  Non c’è niente di più vero della verità. Le scene che rappresenta si svolgono spesso sulle spiagge del Mediterraneo dove le donne vestite di bianco giocano coi bambini e i pescatori attraccano con le loro barche. Le vesti femminili svolazzano e le vele dei velieri si gonfiano.

27 febbraio-1863-Joaquin_Sorolla_Triste_Herencia

Triste Herencia, 1899, olio su tela, 210x285cm, Bancaja, Valencia

I lavoratori al centro di alcune sue tele rientrano nelle tematiche sociali a cui il pittore aveva aderito accostandosi agli ambienti liberali e progressisti. La tela Triste Herencia tratta tali tematiche, discostandosi dalle iniziali scene storiche e di battaglie. Nonostante si fosse allontanato dalle richieste del mercato, nel 1900 riuscì ad ottenere il Grand Prix con il quadro I encora diven que el prix és car, dipinto nel 1895. 

Questo riconoscimento lo consacrò in patria e all’estero. A New York dipinse 14 enormi murales (di 3m di altezza per 70 di lunghezza) per le sale della Hispanic Society of America.

L’importanza che Joaquin Sorolla riveste per l’arte spagnola è tanta che la capitale Madrid gli ha intitolato  un museo. Inoltre il Museo d’Orsay di Parigi, il museo degli Impressionisti, conserva una parte delle opere.

Autore
Pubblicato il
5 mesi ago
Categorie
Mostre & eventi
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *