BuzzNews > Intrattenimento > il 13 gennaio 1940 moriva James Joyce: 2 frasi e opere di valore

il 13 gennaio 1940 moriva James Joyce: 2 frasi e opere di valore

James Joyce ha avuto la capacità d’influenzare l’uomo moderno

James Joyce ha avuto molta importanza nel mondo della scrittura

James Joyce ha avuto molta importanza nel mondo della scrittura – fonte immagine Pixabay.com Credit: cocoparisienne

James Joyce è un autore di grande rilevanza per la letteratura contemporanea, poiché ha contribuito, con il suo stile, a trasporre un nuovo genere di scrittura. Ha rivoluzionato il modo di scrivere ed influenzato molti autori moderni. Analizziamo, punto per punto, chi era questo importante personaggio e quali sono state le opere più importanti della sua attività letteraria.

James Joyce ed il suo rapporto con l’Irlanda

L’autore ha sempre avuto un rapporto molto contrastato con la sua patria, infatti si è contraddistinto per il suo spirito anticonformista.

Nonostante abbia ricevuto una buona educazione di stampo cattolico, il suo pensiero si è allontanato molto dalle tradizioni irlandesi. Una sua famosa frase, riguardante questo argomento, inerente Dublino, è la seguente:

Se ho scelto Dublino per scena è perché quella città mi appariva come il centro della paralisi
James Joyce

James Joyce e la gente di Dublino

La frase citata prima riguarda, in particolar modo, la raccolta di racconti Dubliners ( Gente di Dublino), la quale è, in parte, una critica alla società irlandese del tempo. Ritroviamo queste tematiche anche nell’opera Ritratto dell’artista da giovane (il cui protagonista, tra l’altro, verrà riposto da James Joyce in Ulisse).

Il tema dell’immobilismo (Paralysis) è l’argomento principale di questi racconti e viene posto sotto vari aspetti, sia morali sia culturali, che James Joyce conosceva bene.

Come nella storia Eveline, ove la protagonista, sebbene abbia un fidanzato pronto a portarla via da una vita che non le piace, decide di rimanere in quella città e continuare la sua solita esistenza.

Molto importante è anche la novella I morti, da cui è stato tratto il film The Dead – Gente di Dublino con Anjelica Huston.

In questa raccolta è presente la tecnica letteraria dell’‘epifania, in cui una persona a causa di qualcosa, come della musica, ricorda un evento del passato e questo pensiero l’aiuta a comprendere la situazione che è intorno a lui. Un simile approccio è stato usato, in maniera diversa, anche da Marcel Proust nella sua opera Alla ricerca del tempo perduto.

In quest’opera è presente anche un’altra tecnica che caratterizzava lo stile di James Joyce. Si tratta del flusso di coscienza, un insieme di pensieri proposti in ordine non logico, così come sono presentati nella mente del personaggio.

L’ortografia e la grammatica vengono abolite in questo tipo di scrittura e sembra di essere dentro ad un sogno del protagonista.

L’opera, che maggiormente utilizzerà questo metodo scrittorio, è il romanzo Ulisse.

James Joyce e le avventure di Ulisse

James Joyce ha utilizzato un genere di scrittura molto particolare: il flusso di coscienza

James Joyce ha utilizzato un genere di scrittura molto particolare: il flusso di coscienza – fonte immagine pixabay.com Credit: johnhain

James Joyce ha voluto denominare questo romanzo con questo titolo per creare delle allusioni, sebbene parodistiche, con i personaggi dell’opera omerica. Anche qui viene fatta una sottile critica alla società irlandese. I protagonisti sono persone che svolgono la loro vita e vicissitudini, le quali sono paragonate a pezzi e situazioni del poema omerico. Pure in questa storia troviamo il tema della paralisi che affligge gli abitanti della città di Dublino.

James Joyce ed il cosmopolitismo

Joyce fu un uomo che viaggiò molto nel corso della sua vita, una citazione che lo caratterizzò fu:

Quando un’anima nasce, le vengono gettate delle reti per impedire che fugga. Tu mi parli di religione, lingua e nazionalità: io cercherò di fuggire da quelle reti.
James Joyce

L’autore viaggio molto per l’Europa, andò a Trieste (dove si trovò bene ed incontrò Italo Svevo, che divenne suo amico).

Vivette anche a Parigi e Zurigo, la sua morte avvenne proprio in quest’ultima città. Joyce ebbe a che fare con il mondo letterario di queste metropoli e si può definire uno scrittore cosmopolita, oltre che uno spirito libero.

L’eredità di James Joyce nella letteratura contemporanea

Joyce ha influenzato molto la scrittura moderna con il suo lavoro. Diversi autori hanno preso spunto dalle sue opere, come, ad esempio, Samuel Beckett. Le opere di James Joyce hanno lasciato un grosso contributo nel mondo letterario e ne stiamo ancora usufruendo.

Pubblicato il
10 mesi ago
Categorie
Intrattenimento
Viviana Tintori

Viviana Tintori filosofa digitale

Una filosofa specializzata in comunicazione informatica ( eh si…avete letto bene, anche i pensatori amano i computer ) e un’appassionata di tecnologia sin dall’età di undici anni. Classe 1979 e milanese di estrazione, vive immersa nel mondo di Internet e cerca sempre di unire le possibilità date dalla rete con la sua seconda passione: la cultura. È una lettrice accanita, incuriosita da qualsiasi argomento. Adora anche il teatro e il cinema. Abita in una casa piena di libri e uno dei sui desideri è poter guidare una Volkswagen Maggiolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *